2 Star Trek e ... - Giorgio Antonelli

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pubblicazioni > Monografie > Sconfini


2. Star Trek e la religione americana   




Estratto



Che ne è di Dio in Star Trek? Appunto perché di Dio non resta traccia, dico che l’utopia della religione americana ˗ questo misto di entusiasmo, sciamanesimo, orfismo e gnosticismo ˗ è compiuta. E se è compiuta quell’utopia, allora ogni utopia sembra potersi dire compiuta. Non esiste più un non-luogo. In altri termini la fantascienza, nelle specie dell’Enterprise, l’astronave emblema della federazione, porta a compimento ogni nostra immaginante proiezione, ogni desiderio di potenza, ogni nostro demiurgico, arcontico sogno d’immortalità. Dell’Enterprise si può affermare più o meno quello che della terra e, diciamo anche del pianeta terra, diceva Emerson: una palla verde che lo portava galleggiando attraverso i cieli. Il compimento dell’utopia, con Star Trek, non coincide col deserto maledetto da Nietzsche, ma con lo spazio, l’infinito, con la possibilità di dimorare nell’Abisso. Abisso: ecco un nome, gnostico, per il giardino che, secondo la profezia di Isaia, avrebbe sostituito il deserto.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu